The Heroine’s Journey of Chiara Ricci

First the interview in english, second part the interview in italian. 

What is the best thing that I love about my work?

The best thing that I love in my work is the chance to meet so many interesting people sharing my passion and finding always new ideas… and above all: writing!!

What is my idea of perfect happiness?

My idea of perfect happiness is to have the previlege to do what I love and share it with my family, my love, my friends…and people who follow me. I don’t want to disappoint them.

What is my greatest fear?

My greatest fear is to lost my affections. Also I am scared to disappoint the people that I love and myself, too. The failure is not contemplated. I just want to do all my best and sometimes I am afraid to can’t do it.

What is the trait that I most deplore in myself?

Sometimes I am very, very stubborn and headstrong. Besides I can hardly see the nuances… for me all is black or white. So it is very hard to make me change my mind.

Which living persons in my profession do I most admire?

As a writer and Cinema historian I admire Dacia Maraini, Italo Moscati, Steve Della Casa, Ivelise Perniola… they taught to me to read, to write, to watch a film and to be humble. It is very important!

What is my greatest extravagance?

Well… I do not want to keep me down and I am so sorry but very often my face and my expressions speak for me. I can’t hiding what I am thinking about.

On what occasion would I lie?

I would lie only for protect my affections, my family.

What is the thing that I dislike the most in my work?

Well, sometimes it is difficult to create a dialogue with other people who don’t understand your timing and your deadline.

When and where was I the happiest, in my work?

I was the happiest when in 2009 my first book was edited. It was dedicated to Anna Magnani and in that moment I knew that if I want to do something I can do it! It was my dream. Many people told me that I could not realize my project. So it was an huge satisfaction…And I hardly wanted to realize this tribute to Anna Magnani. All my career has begun thanks to her.

If I could, what would I change about myself?

So many things… I would like to be less wary, less fearful to disturb and to have more patience.

What is my greatest achievement in work?

My greatest achievement is to have people who write me about my books and my work, people who are confident and want to realize projects with me. It is wonderful to see young boys and girls happy to have listened your Cinema’s lesson.

Where would I most like to live?

Next to the sea!

What is my most treasured possession?

Surely my two sisters, my two wings – Silva and Enrica – and my parents.

What is my most marked characteristic?

I am so stubborn and when I say no…it is no! I have just one word and I respect this. The coherence is very important for me.

What is my most inspirational location, in my city?

I love Castel Sant’Angelo… for me it is “my” Castle…

What is my favourite place to eat and drink, in my city?

I have two favourite places: the bar bistrot RIS-TORO in Piazza Risogimento and the restaurant AMALFI in Via dei Gracchi. I love them!

What books influenced my life and how?

Surely Jane Eyre because it was the first book I’ve read. It made me love reading! Then there Le braci and La donna giusta by Sándor Márai, Il libro dell’inquietudine by Fernando Pessoa, La Nausea by Jean-Paul Sartre and my lovely Le memorie di Adriano by Marguerite Yourcenar. It is very difficult to make a list… But all these book had taught to me to love the literature, to see inside the deep of myself and to under stand what I really want from my life.

Who are my favorite writers?

I love Marguerite Yourcenar, Sándor Márai, Fernando Pessoa, Alexandre Dumas, the author of The Three Musketeers, Cesare Pavese, Luigi Pirandello, Henry James, Italo Svevo, Michail Bulgakov

You Only Die Once. What music would I listen on my last day?

Dance me to the end of love by Leonard Cohen or The Godfather Waltz (not the classic main theme) composed by Nino Rota.

Who is my hero or heroine in fiction?

I love the figure of Leone Gala in Il giuoco delle parti by Pirandello and Alice in Danza di morte by August Strindberg.

Who are my heroes and heroines in real life?

My heroines are Elizabeth I, Anna Magnani, Elena Lucrezio Cornaro and Charlie Chaplin.

Which movie would I recommend to see once in a lifetime?

Just one? Well… Sunset Boulevard by Billy Wilder but I have to say Bringing up, baby by Howard Hawks and Citizane Kane by Orson Welles.

What role plays art in my life and work?

It is essential…it is the starting point all my whole work.

Who is my greatest fan, sponsor, partner in crime?

Obviously my two sisters Silva and Enrica!

Whom would I like to work with in 2018?

I’d like to work with many people… I hope to bring together writers, photographers, painters… I have so many ideas in my mind. I want to share the deep meaning of Art. I hope to work with Gene Schiavone, Irene Kung, Diego De Silva, Antonio Monda…

Which people in my profession would I love to meet in 2018?

I hope to meet the right person who understands my work and who wants to walk next to me.

What project, in 2018, am I looking forward to work on?

I am working on PREMIO LETTERARIO NAZIONALE “EquiLibri” but I want to realize a Short Cinema Festival and a Prize dedicated to the world of Photography.

Where can you see me or my work in 2018?

Online you can see all what I am doing!

What do the words “Passion Never Retires” mean to me?

The Passioni is the key of all my world and my work. I could not live without it. It is my fire, my enthusiasm, my single word… I’m living for it!

Which creative heroines should Peter invite to tell their story?

Ekaterina Abramova and Giovanna Marini: two wonderful artists.

How can you contact me?

My email: silerik@libero.it

Piazzanavona2018@libero.it

My website: www.riccichiara.com

Facebook: https://www.facebook.com/chiara.ricci.921

LinkedIn: https://www.linkedin.com/in/chiara-ricci-a28267138/

 

Qual è la cosa che amo di più del tuo lavoro?

La cosa che amo di più del mio lavoro è la possibilità di incontrare persone molto interessanti con cui condividere la mia passione e trovare nuove idee… e, soprattutto: scrivere!!

Qual è la mia idea di felicità perfetta?

La mia idea di felicità perfetta è avere il privilegio di fare ciò che più amo e condividerlo con la mia famiglia, il mio compagno, i miei amici… e le persone che mi seguono. Non voglio deluderli.

Qual è la mia paura più grande?

La mia più grande paura è di perdere i miei affetti. Inoltre, ho paura di deludere le persone che amo ma anche me stessa. Ma il fallimento non è contemplato! Voglio solo fare del mio meglio e a volte ho paura di non farcela.

Qual è la caratteristica che più deploro in me stessa?

A volte sono tanto ma tanto testarda e ostinata. Inoltre, fatico a vedere le sfumature: per me è tutto o tutto bianco. Insomma: è davvero difficile farmi cambiare idea.

Quali sono le persone viventi che stimo di più nella mia professione?

Come scrittrice e storica del Cinema ammiro moltissimo Dacia Maraini, Italo Moscati, Steve Della Casa, Ivelise Perniola… mi hanno insegnato a leggere, a scrivere, a guardare e a osservare un film… a restare umile. Questo è importantissimo!

Qual è la mia più grande stravaganza?

Beh, posso dire di adorare la moda anni Cinquanta e non lo nascondo affatto! Seriamente, non voglio piegare la testa e spesso bastano le espressioni del mio viso per capire cosa sto pensando. Non riesco a nasconderlo!

In quale occasione mentirei?

Mentirei solo per proteggere i miei affetti, la mia famiglia.

Qual è la cosa che mi piace meno del mio lavoro?

Beh, a volte è difficile creare un dialogo con alcune persone che sembrano non capire le tue tempistiche e le tue scadenze.

Quando e dove sono stata felicissima nel mio lavoro?

Sono stata felicissima nel 2009 quando è stato pubblicato il mio primo libro. Era dedicato ad Anna Magnani e in quel momento ho capito che se desidero un cosa posso ottenerla. Questo era il mio sogno più grande. Molte persone mi avevano detto che non ce l’avrei mai fatta da sola. È stata una soddisfazione immensa. Volevo fortemente realizzare questo omaggio ad Anna Magnani. La mia carriera è iniziata grazie a lei.

Se potessi cosa cambierei di me stessa?

Moltissime cose… vorrei essere meno diffidente, meno timorosa di disturbare e avere molta più pazienza.

Qual è il mio più grande risultato nel mio lavoro?

Il mio più grande risultato nel lavoro è avere persone che mi scrivono dei miei libri e del mio lavoro, persone che si fidano di me e vogliono realizzare progetti con me. È meraviglioso vedere ragazzi e ragazze felici di aver ascoltato una tua lezione di Storia del Cinema.

Dove vorresti vivere?

Vicino al mare!

Qual è il mio tesoro più prezioso?

Certamente le mie due sorelle, le mie ali – Silva and Enrica –e i miei genitori.

Qual è la mia caratteristica distintiva?

Sono molto testarda e quando dico no… è no! Ho solo una parola e la rispetto. La coerenza è importantissima per me.

Qual è il mio posto preferito nella mia città?

Amo Castel Sant’Angelo… per me è il “mio” Castello…

Qual è il mio posto preferito per mangiare e bere nelle mia città?

Ho due posti preferiti: il bar bistrot RIS-TORO in Piazza Risogimento e il ristorante AMALFI in Via dei Gracchi. Li adoro!

Quali libri mi hanno influenzata e come?

Sicuramente Jane Eyre perché è stato il primo libro che ho letto. Mi ha insegnato ad amare la lettura! Poi i sono Le braci e La donna giusta di Sándor Márai, Il libro dell’inquietudine di Fernando Pessoa, La Nausea di Jean-Paul Sartre e il mio amato Le memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar. È molto difficile stilare un elenco ma tutti questi libri mi hanno insegnato ad amare la Litteratura, a vedere nel mio profondo e a capire ciò che davvero voglio dalla mia vita.

Chi sono i miei scrittori preferiti?

Amo Marguerite Yourcenar, Sándor Márai, Fernando Pessoa, Alexandre Dumas padre, Cesare Pavese, Luigi Pirandello, Henry James, Italo Svevo, Michail Bulgakov…

Si muore una volta sola. Quale musica vorrei fosse suonata nel mio ultimo giorno di vita?

Dance me to the end of love by Leonard Cohen il Walzer del Padrino (non è il tema principale) composto da Nino Rota.

Chi è il mio eroe o la mia eroina nella finzione?

Amo la figura di Leone Gala de Il giuoco delle parti di Luigi Pirandello e Alice in Danza di morte di August Strindberg.

Chi sono i miei eroi e le mie eroine nella vita reale?

Le mie eroine sone Elisabetta I, Anna Magnani, Elena Lucrezio Cornaro e Charlie Chaplin.

Quale film raccomando di vedere almeno una volta nella vita?

Solo uno? Beh, Viale del tramonto di Billy Wilder ma anche Susanna di Howard Hawks e Quarto Potere di Orson Welles.

Nel mio lavoro l’arte che ruolo ha?

È fondamentale… è il punto d’inizio di tutto il mio lavoro.

Chi è il mio più grande fan, sponsor compagno di crimini?

Certamente le mie due sorelle: Silva ed Enrica.

Con chi mi piacerebbe lavorare nel 2018?

Mi piacerebbe lavorare con moltissime persone. Spero di poter riunire nelle mie iniziative scrittori, fotografi, pittori… Ho molte idee in testa. Voglio diffondere quanto più possibile il profondo significato dell’Arte. Spero di poter lavorare con Gene Schiavone, Irene Kung, Diego De Silva, Antonio Monda…

Quali persone vorrei incontrare nella mia professione nel 2018?

Spero di incontrare le persone giuste che possano capire il mio lavoro e che desiderino camminare al mio fianco.

Nel 2018 quale progetto vorrei realizzare?

Sto già lavorando al PREMIO LETTERARIO NAZIONALE “EquiLibri” ma vorrei creare un Festval del Corto Cinmatografico e un Premio dedicato al mondo della Fotografia.

Dove potrete trovare il mio lavoro nel 2018?

Online potrete trovare tutti i miei lavori e le mie attività!

Le parole “La Passione non si ferma mai” cosa significano per me?

La Passione è la chiave di tutto il mondo e del mio lavoro. Non potrei vivere senza passione. È il mio fuoo, il mio entusiasmo, ogni mia parola… Vivo per questo!

Quali eroine creative Peter dovrebbe invitare a raccontare la propria storia??

Ekaterina Abramova e Giovanna Marini: due artiste meravigliose.

Come potete contattarmi?

My email: silerik@libero.it

Piazzanavona2018@libero.it

My website: www.riccichiara.com

Facebook: https://www.facebook.com/chiara.ricci.921

LinkedIn: https://www.linkedin.com/in/chiara-ricci-a28267138/

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s